La tramvia da Porta Venezia a Monza

il capolinea di Porta Venezia
il capolinea di Porta Venezia

Diceva una canzone d’altri tempi che…  andava a piedi da Lodi a Milano.

Ma da Porta Venezia a Monza si andava in tram!

Dopo  una serie di vicende giudiziarie/amministrative per la concessione dell’autorizzazione, nel 1876 fu inaugurata la tramvia a  cavalli che collegava Milano a Monza.

tramvai a cavalli
tramvai a cavalli

Il capolinea era appunto a Porta Venezia. L’anno dopo la compagnia ottenne di trasferirlo in piazza San Babila.

Fin dall’inizio si fecero esperimenti per utilizzare sia la trazione a vapore che quella elettrica, ma la conclusione fu che fosse più conveniente la trazione a cavalli.

Solo dal 1900 la Edison, subentrata nella gestione della tramvia, utilizzò la trazione elettrica mentre il capolinea venne prolungato fino a piazza Duomo.

il capolinea in piazza duomo
il capolinea in piazza Duomo

 

 

Ma già nel 1911 veniva di nuovo spostato a porta Venezia, a causa dell’aumento del traffico all’interno della cerchia delle mura spagnole.

Negli anni seguenti il gestore si trovò costantemente a fronteggiare la sempre crescente domanda degli utenti rispetto agli investimenti necessari per adeguare il servizio: raddoppio dei binari, il “marciatram” che oggi chiamiamo corsia preferenziale ad affiancare la strada, ed una serie di ramificazioni laterali ampliando sempre più il bacino di utenza.

Nel 1939 il servizio passa all’ATM con la prospettiva di razionalizzare linee urbane e interurbane, e successivamente di sostituirla con la metropolitana. I lavori iniziati alla fine degli anni  cinquanta implicarono lo spostamento del capolinea in piazza IV Novembre.

L’inaugurazione della linea 1 della Metro avvenne poi nel 1964. Ma questa è un’altra storia.

tramvai porta venezia

Per chi volesse ulteriormente approfondire con maggiore dettaglio veda Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/Tranvia_Milano-Monza

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*