Rosa Calzecchi Onesti

rosa calzecchi onestiRosa Calzecchi Onesti  (Milano, 17 maggio 1916 – Milano, 7 agosto 2011). Donna di grande cultura e sensibilità, è nota innanzitutto come traduttrice dal greco dell’Iliade, realizzata per Einaudi tra il 1948 e il 1950, in collaborazione con Cesare Pavese, che aveva particolarmente apprezzato le sue  prove di traduzione. Di questa collaborazione resta un epistolario. Successivamente tradusse anche l’Odissea, l’Eneide e numerosi altri testi dal greco antico e dal latino. La sua opera di traduttrice si innestava direttamente su quella di insegnante, che fu una sua grande passione.

Fu a lungo dirigente dell’UCIIM (Unione Cattolica Italiana Insegnanti Medi) e membro del Consiglio Pastorale della Diocesi di Milano. Come rappresentante dell’UCIIM, partecipò a progetti di riforma e sperimentazione scolastica, arrivando ad essere eletta, nel 1977, nel Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione, e collaborando, in particolare, alla realizzazione di un biennio sperimentale della Provincia di Milano, in cui lei stessa insegnò negli ultimi anni del suo lavoro nella scuola superiore. Dopo il 1982 fu docente di latino e greco biblico presso la Facoltà teologica dell’Italia settentrionale.rosa iliade

A questa attività dobbiamo due pubblicazioni Leggo Marco e imparo il greco e Leggo Agostino e imparo il latino. La sua ultima traduzione fu quella del bizantino Inno akathistos alla Madre di Dio (Guaraldi, Rimini, 1995).

Viveva in piazza Oberdan 4, al primo piano. Facile incontrarla nel quartiere con la sua figura minuta e ricevere sempre da lei una parola buona e un sorriso, spesso scherzoso. E’ stata sempre attiva e lucida fino alla fine, animata da una spirito di affettuosa benevolenza  verso tutti.

Resta indimenticabile per chi l’ha conosciuta.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*